Turismo: tel. 06.44 180 222 - Addetti Vendita Settore: tel. 06 44 180 258/249 turismo@dlfroma.it
Turismo: tel. 06.44 180 222 - Addetti Vendita Settore: tel. 06 44 180 258/249 turismo@dlfroma.it

Capodanno d’Elite a Salerno

0
Prezzo
Da€599
Prezzo
Da€599
Nome*
Cognome*
Email*
Telefono*
N. Persone*
Camera*
Polizza annullamento*
Adesione all'invio della newsletter*
Note
Ho preso in visione i Termini di servizio e la Dichiarazione sulla privacy.
Si prega di accettare tutti i termini e le condizioni prima d'inoltrare la richiesta.
Salva nella Lista dei Desideri

Aggiungere elementi nella Lista dei Desideri richiede un account

1998
I viaggi ed i soggiorni elencati in questo catalogo sono in collaborazione con i tour Operatori riportati su ogni frontespizio. Pertanto i contratti di viaggio saranno regolati dalle condizioni di partecipazione di ciascuno di questi operatori. I soci del DLF ne potranno prendere visione consultando i loro cataloghi.
Viaggi riservati ai soci dell'Associazione DLF in possesso della tessera anno 2020.
TASSA DI SOGGIORNO:
i comuni italiani hanno la facoltà di applicare la tassa di soggiorno. Detta tassa non è prevista nelle quote riportate nelle tabelle, se applicata, dovrà eventualmente essere pagata dal cliente direttamente in loco.
ASSICURAZIONE ANNULLAMENTO VIAGGIO:
è facoltativa da richiedere all'atto d'iscrizione.
FASCE DI ETA': sono sempre non compiute.

N.B. La prenotazione richiede il versamento di un acconto pari al 25% del totale.
Saldo 30 giorni prima della partenza.
IN CASO DI RINUNCIA PER QUALSIASI MOTIVO VERRANNO ADDEBITATI € 20,00 A TITOLO DI GESTIONE PRATICA.

Hai una domanda?

Non esitare a contattarci.
Saremo lieti di rispondere alle tue domande.

06 44 180 258/249

turismo@dlfroma.it

Dal 30 dicembre al 2 gennaio
Dettagli del Tour
CAPODANNO D’ELITE A SALERNO
Sistemazione in camere vista mare

Luogo di partenza e rientro

Roma

Le quote includono

Bus G.T. per tutti i trasferimenti e le escursioni in programma con posti limitati
sistemazione presso Grand Hotel Salerno 4*
trattamento di mezza pensione
Gran Cenone** di fine anno con musica dal vivo
pranzo di Capodanno
pranzo in ristorante con menù pizza il 4° giorno
bevande ai pasti
tutte le visite guidate come da programma
ingresso alla Reggia di Portici
ingresso alle Ville e al Museo di Stabia
accompagnatore
assicurazione medico bagaglio.

Le quote non includono

Eventuale tassa di soggiorno
tutti gli ingressi non specificati
mance e facchinaggio
assicurazione annullamento facoltativa Euro 30,00
tutto quanto non espressamente indicato alla voce “la quota comprende”

Itinerario

1° giornoRoma – Portici – Salerno

Incontro dei partecipanti a Roma Piazzale Ostiense, sistemazione in Bus G.T. e partenza per Portici. Arrivo e visita guidata della Reggia di Portici: è una grande palazzo di epoca borbonica, un po’ al di fuori dei circuiti turistici tradizionali, ma che merita assolutamente di essere visitato. Si tratta di un altro Palazzo Reale voluto da Re Carlo di Borbone che nel 1737, scoprì la zona grazie ad una tempesta che costrinse la sua nave a entrare in fretta nel porto del Granatello a Portici. Il posto piacque molto sia alla Regina Maria Amalia che al Re che decise di farvi costruire una residenza che divenne poi Reggia ufficiale. I lavori iniziarono nel 1738, e furono affidati a vari architetti ma completati poi dal Vanvitelli e dal Fuga. Il Re Carlo acquisì anche vaste aree verdi circostanti per realizzare un grande parco ed inglobò nella nuova costruzione anche le ville preesistenti del conte di Palena e del principe di Santobuono espandendosi così verso il mare e acquistando boschi e terreni di altri nobili. Pensato come dimora estiva del Corte, il Palazzo divenne col tempo residenza reale e sede del Museo Ercolanense, voluto da Re Carlo per raccogliere gli oggetti trovati nello stesso periodo ad Ercolano, Pompei e Stabia. I lavori terminarono nel 1742 ma la Reggia non fu sufficiente ad ospitare tutta la corte, e così molti nobili fecero costruire stupende ville nei dintorni, creando una zona bellissima conosciuta nel mondo come “il miglio d’oro”. C’è anche un giardino storico e all’ombra dei lecci, c’è il giardino delle felci che è uno degli angoli più suggestivi dell’Orto. Vi si coltivano oltre 400 specie provenienti dai deserti africani e americani. Al verde strutturato ed antropico del giardino storico, si contrappone la natura quasi selvaggia del bosco circostante. L’Orto botanico e il bosco sono luoghi molto belli che meritano di essere visitatati. Pranzo libero. Trasferimento a Salerno, sistemazione nelle camere riservate vista mare e tempo a disposizione per la visita delle caratteristiche luminarie che, come per magia, avvolgono la città in mille luci e colori. Salerno si candida ad essere anche quest’anno la capitale delle luminarie di Natale con la più spettacolare e suggestiva esposizione di opere d’arte luminosa, tutte installate presso le strade, le piazze ed aree verdi della città di Ippocrate. Le luci d’artista di Salerno saranno poi popolate dai personaggi delle fiabe, i consueti giardini incantati, alcuni mondi esotici e mitici dragoni, volte celesti ed aurore boreali che tutti insieme accenderanno le notti salernitane durante le festività natalizie e sorprenderanno le tantissime persone coinvolgendole in una magica atmosfera, assolutamente unica. Nel periodo natalizio, non mancheranno tantissimi eventi che coloreranno la città di Salerno oltre le Luci d’Artista e poi non mancheranno i caratteristici mercatini di Natale, come quelli più famosi del Lungomare Trieste. Rientro in hotel, cena e pernottamento.

2° GiornoPaestum - Agropoli

Prima colazione in hotel, partenza per la visita guidata ai templi di Paestum, uno dei più importanti centri archeologici d’Italia. Situato nella parte meridionale del golfo di Salerno, detto anticamente Sinus Paestanus. La città fu fondata intorno al 600 a.C. dai Greci di Sibari con il nome Poseidonia. Alla fine del V secolo a.C. Poseidonia venne sconfitta in guerra dai Lucani, una popolazione di stirpe sannitica che si sostituì ai Greci nel governo della città e cambiò il nome in Paestum. I monumenti di età imperiale danno di Paestum l’immagine di una città di provincia con una limitata attività edilizia, già dall’inizio del II secolo d.C., avviata ad un lento quanto inarrestabile declino. Il museo raccoglie e presenta degli oggetti, spesso unici al mondo, che raccontano questa vicenda storica. Pranzo libero. Subito dopo partenza per la visita guidata di Agropoli. La parte antica della cittadina si trova su di un promontorio a dominio di una baia pittoresca, i Bizantini nel VI secolo vi trovarono rifugio e la chiamarono Acropolis, ovvero città posta in alto. Dall’attuale corso Garibaldi, la via dei negozi e dello “struscio” nella parte bassa dell’abitato, si giunge ad una rampa (la salita degli “scaloni”) al termine della quale la porta dell’antica cinta muraria permette l’accesso al borgo. Qui si concentrano le bellezze storico-artistiche di Agropoli a cominciare dalla seicentesca chiesa di Santa Maria di Costantinopoli, la Chiesa dei SS. Pietro e Paolo e in alto verso est il diruto Castello angio-aragonese dall’alto del quale si gode di una vista magnifica sul golfo di Salerno e oltre, sino ad avvistare Capri e la lontana punta Campanella. Rientro in hotel e Gran Cenone di Capodanno con musica dal vivo. Pernottamento.

3° GiornoSalerno – Castellabate

Prima colazione in hotel, mattinata libera a Salerno con possibilità di usufruire del centro benessere dell’Hotel (servizi a pagamento) o passeggiata in centro. Pranzo in hotel. Nel pomeriggio visita guidata a Santa Maria di Castellabate, vivace centro balneare che spesso si fregia della Bandiera Blu, e Castellabate, che dal 1998 è diventato patrimonio mondiale dell’UNESCO. Il borgo, caratterizzato dall’intreccio di vicoletti in pietra viva e stretti passaggi, reso celeberrimo per le riprese del film di Luca Miniero “Benvenuti al Sud”, è in realtà soltanto un grazioso anticipo alla meraviglia dei palazzi gentilizi del Settecento che qui trovano massima concentrazione. Magnifica l’antica piazza con vista mozzafiato sulla valle dell’Annunziata. Al termine rientro in hotel, cena e pernottamento.

4° GiornoCastellammare di Stabia – Gragnano – Roma

Prima colazione in hotel, in mattina partenza per la visita delle bellissime Ville e del Museo di Stabia: inaugurato il 24 settembre 2020 negli storici ambienti della Reggia di Quisisana il Museo archeologico di Castellammare di Stabia, nuovo spazio museale dedicato all’esposizione di numerosi e prestigiosi reperti del territorio stabiano. L’operazione, curata e promossa dal Parco Archeologico di Pompei con l’organizzazione di Electa, restituisce al patrimonio italiano il più antico sito reale borbonico – edificio simbolo che vanta una storia di oltre sette secoli – insieme a preziose testimonianze della vita quotidiana, in particolare quella che si svolgeva nelle ville romane d’otium (lussuose residenze finalizzate al riposo, del corpo e dello spirito, dalle attività e dagli affari) e nelle ville rustiche (simili nella concezione alle moderne fattorie), site in posizione panoramica con “vista” sul Golfo di Napoli. Al termine trasferimento nella vicina Gragnano per un pranzo a base di pizza, panuozzo (specialità locale), stuzzicherie varie e dolce. Al termine partenza per il rientro a Roma.

Foto